Avatar Blues

http://cdn.morguefile.com/imageData/public/files/h/hotblack/preview/fldr_2010_10_31/file5861288554715.jpgC’è poco da stare allegri. C’è un Funeral Music. E’ uno scherzo, vero? Forse che sì, forse che no, direbbe la Settimana Enigmistica. Fatto è, che c’è un certo Tim Seely, non so se ci è o ci fa, ma comunque ci prova, a fare un brano con questo titolo  Tim Seely – Funeral Music

Una grazia per i santi e gli escursionisti. In sostanza, un favore che si chiede a questi avventurosi dell’anima e del paesaggio. Intento commendevole, a cui mi associo, ascoltando questo brano degli Iron & Wine dal titolo Grace For Saints And Ramblers Iron & Wine – Grace For Saints And Ramblers

E se ci ascoltassimo il lato B dello stesso disco? Ugualmente bello, forse anche di più. Ecco ancora gli stessi Iron & Wine con My Side of the road, un brano sempre del singolo che poi è uscito meno di un mese fa, il 25 marzo 2013 Iron & Wine – My Side of the road

hotblack

 

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/57/Vishnu_Avatars.jpgCentrano ancora i santi, ma questa volta per dire, Fire! Santa Rosa, Fire! Ebbene, non è il titolo, ma il nome di questo gruppo. Che nomi complicati che si scelgono! Il titolo, poi…… E’ un ghostress, scritto così, tutto in maiuscolo. Sarà lo stress dei fantasmi?

Fire! Santa Rosa, Fire! – GHOSTRESS

Un rock and roll piano, inteso, con il pianoforte. Per ripercorrere un’età d’oro della musica, e forse anche dell’umanità. L’occasione per dire tutto questo me la dà questo brano dei Panics, interamente strumentale, dal titolo, misterioso, Maypo

Panics – Maypo

Questa volta non c’è il pianoforte, solo lo sferragliamento elettrico delle chitarre. Si ritorna nell’alveo di un alternative più consueto e tradizionale con questa bella Avatar Blues, cantata dai The Vasco Era

The Vasco Era – Avatar Blues

Dumb Things. Sono le cose stupide, quelle che vorremmo evitare, ma quelle che a volte, paradossalmente, vorremmo trovare, giusto per farci quattro risate. Sono le cose ci ci fa conoscere, ed ascoltare Paul Dempsey

Paul Dempsey – Dumb Things

 

Ad alto tasso emozionale, di energia, ritmo, entusiasmo. Sono le caratteristiche, quelle con cui vengono suonate, e anche cantate, queste ultime canzoni. Una corsa che mi piace, non la fermo, anche perché adesso ci sono i Dolly Rocker Movement con la loro My Heavenly Way

Dolly Rocker Movement – My Heavenly Way

Cielo impacciato, quello che vediamo sugli schermi di oggi. Al di là dei vetri, delle finestre, sopra le nostre teste, un clumsy sky. E’ anche il titolo del prossimo brano, cantato da una ragazza, in coma. Strano, vero? Eppure, si chiama proprio così Girl in a Coma

Girl in a Coma – Clumsy Sky


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *