Black Lemon

Giornata balorda, passata esclusivamente a casa. Potrebbe essere utile e risolutivo ascoltarci un po' di buona musica come quella che sta iniziando a scorrere sotto la puntina del giradischi virtuale, sintonizzato anche stasera su fm. Vi propongo allora i God Help the Girl – The Psychiatrist is in

The All-American Rejects i prossimi autori. Non me li ricordavo ma li avevo inseriti, tanto tempo fa. Adesso ci propongono uno dei loro brani più famosi, It ends tonight, tratto dall'album Move Along del 2005                      The All-American Rejects – It ends tonight

E' una musica un po' diversa, rispetto a quella che siamo abituati ad ascoltare. Sembra un genero classico, adattato alla musica leggera, tipo Bocelli per intenderci. Non è l'artista toscano, ovviamente, ma i Nightwish, per noi nuovi, con Sleeping Sun – Nightwish

Torn,  strappato, penso non un vestito o un tessuto. Di certo, se ha strappato qualcosa, è un grande successo di pubblico e di critica. Questa canzone di Natalie Imbruglia è molto conosciuta, non c'è nemmeno bisogno che ve la presenti Torn – Natalie Imbruglia

Non è un virus, patogeno, organico, patologico, è piuttosto una turba psichico-mentale, una fobia maniacale-ossessiva, un'alterazione del comportamento e dell'emotività. E' come si dice, e come ci canta                               Heather Nova – Virus of The Mind

La musica è senza fine, ma anche la canzone, è endless. Endless Song, per la precisione, brano di cui è autore il duo inglese degli AaRON. Notate come è scritto il loro nome biblico, caratteri minuscoli e maiuscoli si alternano. A parte questo, mi sembrano interessanti Endless Song – AaRon

E' un distruttore, ma può anche essere un cacciatoprediniere. La traduzione risponde infatti al termine inglese Destroyer, e noi da buoni pacifisti preferiamo ci sia uno scalmanato, al posto di una nave da guerra. Loro, ci sono senz'altro, e sono i Dodos – Destroyer

Islandesi di talento, sono stati anche definiti i nuovi Arcade Fire, ecco arrivare la fantastica orchestrina degli Of Monsters And Men. Sono autori del prossimo brano, Sloom – Of Monsters And Men

Karl Emil Maximilian Weber è stato un economista, sociologo, filosofo e storico tedesco. È considerato uno dei padri fondatori dello studio moderno della sociologia e della pubblica amministrazione. E' nato nel 1864, e morto nel 1920, ma ovviamente non volevo parlare di lui, non avendo neanche la competenza per farlo; volevo solo presentare il prossimo autore, che si chiama come lui, e ci presenta  The Art of Walking – Max Weber

Dopo tanti discorsi e paroloni, è ora di approdare ad un sound leggero, spensierato, non per niente la protagonista di questo brano ha il sole nei suoi occhi, Sun In Her Eyes. L'ha trovata, raccontata e cantata in questo brano, Tom Helsen – Sun In Her Eyes

In our lifetime, nella nostra vita. Un titolo impegnativo, ma non carichiamolo troppo di significato, anche perché il brano omonimo è interessante, ma niente di trascendentale. A proporlo i Texas- In Our Lifetime

Amore criminale, un giorno in pretura, Crime Investigation, cronaca nera e tante notizie sui giornali. Se non vi bastano tutte queste cose, e non vi accontentate di quello che già si vede o si legge, potete sentire anche questa scena del crimine dei Placebo – Scene of the Crime

Se siete abituati a vedere e a pensare ai limoni, di colore giallo, dovete ricredervi. Portati in pegno dai Generationals, da adesso ci sono anche i limoni neri. Ce li fanno conoscere ed ascoltare con questo bel pezzo, dal titolo Black Lemon – Generationals

Ma guarda questi, anzi, ma leggi questi, come sono scritti: SW/MM/NG. Più espliciti nel titolo che hanno dato al loro brano, Some Dreams come true,  raramente vero. Ma, se lo dicono loro che alcuni sogni diventano realtà, possiamo crederci, o almeno, facciamo finta di crederci SW/MM/NG – Some Dreams come true

Attuali se non nella discografia, nella cultura e nel pensiero di milioni di appassionati, eccoci adesso a una delle band più amate degli anni '60, i mitici Doors. Del brano che sto per presentare, c'è anche una registrazione Live, eseguita a Pittsburgh il 2 maggio, 1970. Ecco a voi                                When The Music's Over – Doors

Repubblica asiatica confinante con la Cina e l'India, eccoci ora niente di meno che in Nepal, paese democratico con capitale Kathmandu. Non potrei parlare di un viaggio che non ho fatto, nè di un libro che non ho letto. Posso però parlare di questo brano che sto ascoltando, dei San Cisco – Nepal

Stardust, polvere di stelle, un brano degli americani Rentals, contenuto nell'album Lost In Alphaville inciso ad agosto di quest'anno. Malgrado siano sulla scena musicale da un ventennio, è la prima volta che li ascolto. Li propongo anche a voi Rentals – Stardust

Sleeptalking, ed ormai questi titoli, un po' notturni, mi fanno capire che è l'ora di andare a letto, lo farò senz'altro tra poco. Ormai credo per stasera di avere scritto abbastanza, mi posso pure accontentare. Già che ci sono, presento il brano, così intitolato, di La Sera – Sleeptalking

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *