Coast To Coast

http://mrg.bz/E87J2MLiz Phair, un’artista acclamata dalla critica, forse non tanto conosciuta al grande pubblico. Anche io l’ascolto, e la propongo, per la prima volta. Questo suo brano del 2005  Liz Phair – Everything To Me

Better Luck Next Time, migliore fortuna la prossima volta. Sarà questa la traduzione giusta? Direi proprio di sì. Un titolo che invita a sperare, mentre scorrono le note di questo rock appassionato. A cantare e suonare,gli Oleander 

Oleander – Better Luck Next Time

Not Enough, non ne abbiamo abbastanza. Una voglia di musica che si carica e si ricarica, ogni giorno. Andiamo allora alla scoperta di questo disco, la band Our Lady Peace , nome emblematico, mentre il brano ha il titolo delle prime due parole

Our Lady Peace – Not Enough

Stone temple pilots, già una volta con noi, molto tempo fa. Adesso tornano con un brano, Creep, strisciare, parola in realtà già incontrata, i Radiohead l’avevano utilizzata per intitolare un loro pezzo. Si tratta comunque di due brani diversi Stone temple pilots – Creep

 

   

On Your Own, ricorda come titolo una certa Nikka Costa, con un successo degli anni ’80, On My Own. Questi però non sono dei ragazzini alle prime armi, sono i Green River Ordinance, una band di 5 texani, originari di Fort Worth, in attività da una dozzina d’anni Green River Ordinance – On Your Own

http://mrg.bz/F5r8ThMat Kearney, è il nome di questo signore, in viaggio da New York alla California. Vorrebbe fare quindi quello che più familiarmente viene chiamato Coast to Coast. La sua canzone è appunto New York To California Mat Kearney – New York To California

 

   

Natasha Bedingfield, nome più spiccatamente europeo, euroasiatico quanto meno per il nome Natasha, di origine russa. In realtà i suoi genitori sono neozelandesi e lei è inglese. Bionda, di poco più di trent’anni, dedica la sua vita alla musica, e alla beneficenza. Little Too Much è il pezzo che ci fa ascoltare Natasha Bedingfield – Little Too Much

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/89/Tallahassee_FL_Woman%27s_Club02.jpg/640px-Tallahassee_FL_Woman%27s_Club02.jpg

Anywhere But Here, titolo, del brano e dell’album, pubblicato nel 2009 dai Mayday Parade. Anche loro sono in 5, e vengono da Tallahassee. Direte, dov’è? Non in Scandinavia, come si potrebbe supporre dal nome. Sono, strano ma vero, americani, dalla Florida Mayday Parade – Anywhere But Here

Un sound che ricorda un po’ i Fab Four, a pochi giorni dal 50° anniversario del loro esordio. Non sono però i Beatles, ma i Plain White T’s, che vi vorrei far conoscere con questo disco, il cui titolo è Welcome To Mystery Plain White T’s – Welcome To Mystery

 

Le parole dell’America, sono luoghi, nomi, persone, modi di dire. Anche la prossima proposta, non sfugge a questa regola. La band, autrice della canzone, si chiama infatti The All-American Rejects. The Poison il titolo, che tradotto sarebbe……veleno The All-American Rejects – The Poison

 

   

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *