Diamanti

Shine on you crazy diamond, brilla pazzo diamante. Normalmente è il diamante a far impazzire, ma nel mondo pop spesso le cose sono alla rovescia. Tutti, o molti di noi, conosceranno già questi assoli di chitarra, io però li propongo, anche perché sono i Pink Floyd e il brano è suddiviso in pezzi molto lunghi

Pink Floyd – Shine on you crazy diamond

file0001236520625.jpg

I Was Just A Card, ero solo una carta. Si passa, come vedete, da cose preziose a cose molto più modeste. Ad essere così pessimista ci pensa Laura Marling che con questo brano rock, del 2011, ci riporta all’attualità

Laura Marling – I Was Just A Card

 

Un riscatto nazionale, il titolo di questa canzone, titolo che potrebbe ispirare un fiume di parole, di estrema attualità. Anche però canzone ed album di Elvis Costello, il cui titolo originale è appunto National Ransom. Un disco del 2010 con fantasiose sterline in copertina

Elvis Costello – National Ransom

 

Glenn Richards, segnato con la sigla GR, a noi familiare per essere targa automobilistica di Grosseto. Il disco che ci ascoltiamo è Glimjack Muttering, titolo abbastanza strano, che comunque tradotto vorrebbe dire Glimjack borbottando. So che come risultato non è un gran chè, ma è quello che sono riuscito a trovare, grazie all’aiuto dei traduttori

Glenn Richards – Glimjack Muttering

Death Cab For Cutie è il nome di questo complesso. Sono (ovviamente) americani, ma quello che importa è che sono bravi, e sono pure venuti nel nostro paese. Molto recentemente hanno fatto un concerto a Milano, quindi adesso non resta che ascoltarli anche noi, con questa canzone, Meet Me On The Equinox

Death Cab For Cutie – Meet Me On The Equinox

 

Esce in questi giorni Banga, disco di Patty Smith, che torna così sulla scena. Chiamata la sacerdotessa del rock, classe 1946, è una madre nobile della musica pop. Ho iniziato ad ascoltare i primi 2 brani di questo album, mi sono piaciuti tutti e due, quindi li propongo insieme

Patty Smith – Amerigo       Patty Smith – April Fool

 

Un grande successo di quindici anni fa. A cantarlo i Verve, nel 1997. Fine secolo, fine millennio, tanti cambiamenti, ancora fiducia, ottimismo, speranza…. E questa canzone che faceva da colonna sonora, Sonnet, sonetto

Verve – Sonnet

 

La generazione di Patty Smith era anche quella di Bob Welch, nato nel 1945 e mancato purtroppo oggi.Compiendo un gesto estremo, ha purtroppo messo fine alla sua vita. Io lo voglio ricordare, con un brano del 1979 Future Games

Bob Welch – Future Games

 

Bob era il chitarrista dei Fleetwood Mac, gruppo anglo americano di grande successo, con una discografia prolifica, avendo pubblicato oltre 20 album. La collaborazione di Bob con i F.M. durò dal 1971 al 1974; è di quegli anni questo disco, Over My Head

Fleetwood Mac – Over My Head

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *