Fugitive Motel

Volano aerei, sonde, missili, asteroidi, satelliti. Ma volano anche semplici ed essenziali aquiloni. Vola anche la nostra fantasia, sulle note di questo bel pezzo dei So Many Wizards, gruppo che già conosciano, adesso con

Fly a Kite – So Many Wizards

E' alto e selvaggio, ovvero high & wild. Mi viene in mente una canzone di Celentano, di tanti anni fa. Un albero di trenta piani. Era alto, ma non poteva essere selvaggio, era anzi, prettamente urbano, Il protagonista di questo brano di Angel Olsen, invece….. Angel Olsen – High & Wild

Alto, selvaggio e magari fantascientifico, di fantascienza, science fiction. Un po' come la sonda che sbarca su una cometa, sonda estremamente reale, come questo brano di Divinyls – Science Fiction

Raggiunti dalla musica buona e da un autore nuovo, un certo Frankie Rose, udibile peraltro con una voce femminile. Sarà bene informarsi sulle generalità, così, tanto per definire chi sia. Ci accontentiamo per adesso di ascoltare la sua bella Sorrow – Frankie Rose

Sono fuggito dal brano precedente ancora prima che finisse. Avevo fretta di raggiungere un Motel, non per fare cose strane, volevo solo riposarmi un po' per qualche ora. L'ho fatto, adesso mi sento meglio e vi voglio raccontare com'era questo posto. Era un Fugitive Motel, suonato e cantato da Elbow – Fugitive Motel

C'è il clima giusto, ed essendo la realtà, fatta di numeri, ci sono anche i numeri giusti. Uno in particolare, sarebbe da mettere nel mio telefono. Sono sempre alla ricerca di opportunità per arricchire la mia rubrica. Accendo lo smartphone, anzi nò, accendo la musica, che adesso scorre con questo brano di Ariel Pink – Put your number in my phone

Adesso che ci sentiamo e stiamo bene, qualsiasi cosa ci sia, non vale la pena di disperarsi. Affronteremo con la giusta energia e motivazione qualunque problema, senza farci condizionare troppo dai The Cruel Sea che cantano piangi per me, Cry for Me – The Cruel Sea

Elisabetta di qui, Elisabetta di là. Cominciano ad essere un po' troppi i soggetti con questo nome, Forse meglio o più simpatiche dell'Elisabetta per eccellenza, quella che in Inghilterra ha l'appellativo di Queen. I Perfume Genius le hanno dedicato questo pezzo Perfume Genius – Queen

Bisogna essere molto ermetici e molto essenziali per intitolare Gunshot un pezzo. Se non sapete cosa significa, ve lo dico io. E' uno sparo. Non so che artista italiano darebbe questo titolo ad un suo brano. Lo ha fatto Lykke Li, cantautrice e musicista svedese Lykke Li – Gunshot

Anche loro, esordienti, mai sentiti nè conosciuti. Un nuovo nome, dunque, New Name, come il brano che ci presentano. Anzi che ci presenta, essendo un autore solista. Si chiama Sinkane ed è inglese, ma originario del Sudan, Sinkane – New Name

The New Pornographers e la loro guerra, nella costa est. Come se non bastassero quelle che ci sono già nel mondo, mettiamoci anche questa ipotetica, immaginaria, ma reale, per come è suonata e cantata da questo gruppo indie rock canadese di Vancouver

The New Pornographers – War on the East Coast

Qualcosa si è rotto, qualcosa non di fisico o di materiale, ma di ben più importante. Qualcosa che non dovrebbe, e non potrebbe mai rompersi, lo spirito. Se si è rotto, vuol dire che non era vero spirito, ma qualcosa di diverso. Prendiamo comunque per buone le parole di questo titolo, my spirit is broken, proposto da Champs – My Spirit is broken

Sembra un po' la playlist delle novità, dei nomi nuovi. Anche questo George Ezra, non l'avevo mai presentato. Quale migliore occasione per farlo oggi, con Blame It on Me, dai la colpa a me. Generoso, altruista, oppure masochista, o semplicemente cantante e musicista

George Ezra – Blame It On Me

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *