Hong Kong Garden

E' una bella giornata,  24 novembre, è iniziato un po' il freddo. Temperatura sotto i 10 gradi, se non proprio freddo, fresco. C'è un po' di sole, ed è possibile camminare, dopo la pioggia dei giorni scorsi. Ci accompagna in questa passeggiata Kurt Vile con la sua Wakin on a pretty Day

E se andassimo a Montreal, dove nel 1976 si tennero i giochi olimpici? A portarci nella città canadese, un certo Red Kite, autore che ascolto per la prima volta. Per conoscerlo un po' di più provo a visitare la sua pagina. Leggo che questo brano, del 2013, è il suo titolo più famoso. Ascoltiamolo, allora, sperando, magari in futuro, di visitare non solo musicalmente questa importante città Red Kite – Montreal

Let's go Extinct, andiamo ad estinguerci. E' tutto condensato in questa frase, un destino, nostro, dell'umanità, del mondo intero. Questo per chi si limita a credere nell'apparenza, nella superficialità. Le idee, lo spirito, l'essenza, quella non muore, non può morire. Ragionandoci un po' su, per quello che possiamo fare, stiamo intanto ascoltando questo bel pezzo di Fanfarlo – Let's go Extinct

E' sempre un let's, ma questa volta un Let's Go Surfing. Prima si pensava, adesso ci si diverte, con questo invito, molto fuori stagione, a surfare. Potremmo tenerne conto, nel periodo giusto, oppure, divertirci in generale, senza pensare troppo ad una tavola da vela, in questo momento parcheggiata chissà dove.  Parlando, pensando, oppure cantando, con i                 The Drums – Let's Go Surfing

C'erano una volta le California Girls, oggi ci sono le California Grrls. A presentarcele, ed a cantarci sopra, il gruppo degli Shark?, scritto proprio così, con il punto interrogativo. Chi sono o che cosa vogliano dire, con questi artifici letterali, poi indagheremo. Limitiamoci adesso ad ascoltare il loro brano Shark? – California Grrls

Chissà cosa vorrebbero fare con quella Gun, pistola. Mi sembra niente di offensivo, l'hanno solo inserita in un album dell'anno scorso, intitolato The Bones Of What You Believe ed adesso si apprestano a cantarla, e sono i Chvrches – Gun

Tutto sembra giusto, It All Feels Right. Benissimo, questa esortazione, oppure constatazione. L'importante è guardare il bicchiere mezzo pieno, non mezzo vuoto. Poi magari un giorno, ci sarà talmente tanta acqua, che arriverà fino all'orlo. Aspettando, con fiducia, ci ascoltiamo intanto questo brano degli Washed Out – It All Feels Right

Mi ha scritto un giorno He wrote me one day. Chissà per dire che cosa…. Di lettere, se ne scrivevano tante, fino ad un po' di anni fa. Non c'era il computer, internet, solo carta e penna. Adesso le cose sono un po' cambiate. E forse più che scrivere, leggiamo, oppure ascoltiamo, per esempio questo brano di Pani Galewska – He wrote me one day

Singer-songwriter argentina, la ascoltiamo per la prima volta, con il suo brano più famoso. Si intitola Eras e lei è Juana Molina – Eras

Cara, sei dolce, Darlin' You're Sweet. Meno male, qualcuno dice cose belle, non tutti litigano. Sembra peraltro un po' paranoico questo modo di cantare degli Wise Blood, ma ascoltiamolo, così com'è.  Non vorrei fosse parente di qualche rapper Wise Blood – Darlin' You're Sweet

Nuotavano nel '99, Swimming in '99. E' così importante la nuotata di quindici anni fa? Forse che sì, forse che no, come direbbe la Settimana Enigmistica. Escludendo che dopo non l'abbiano più fatta, forse, oltre alla nuotata, ci deve essere stato qualche motivo degno di essere ricordato. Chiedendo questo ai Golden Suits, intanto ci ascoltiamo il loro pezzo        Golden Suits – Swimming in '99

Per andare a Chinatown, prima bisognava necessariamente arrivare fino a New York. Adesso non è più necessario attraversare l'Atlantico, si può rimanere tranquillamente nelle nostre città, oppure magari, bere qualcosa o mangiare in un ristorante. Ci sono adesso i Destroyer, che cantano proprio della città dei cinesi Destroyer – Chinatown

Amo gli incroci ma odio le piazze. Non credo sia la cosa giusta, ma forse cantano Love Triangle, Hate squares, per essere originali. Di certo sono scatenati, arrabbiati, e questa è la loro prima performance su fm. Li condivido con voi, sono i Computers – Love Triangle, Hate squares

Facciamo un giro intorno al mondo, inchiodati alla sedia davanti al monitor del pc. Tra un po' mi alzerò fisicamente, per il momento lo faccio con il pensiero, ma solo per andare con i Siouxsie and the Banshees in un giardino di Hong Kong, l'Hong Kong Garden – Siouxsie and the Banshees

Messed up kids, incasinato dai bambini. Più che normale, ci può stare. Capita a tutti, a Jake Bugg è capitato anche di farci una bella canzone, la prossima che vi faccio ascoltare Jake Bugg – Messed up Kids

Le cime di montagna viola, ovvero come si dice, o per lo meno come intitola, una certa Bokka. Violet Mountain Tops, il suo brano. Mi piace proprio, sono quindi contento di proporla e conoscerla. Una prima interpretazione convincente, da ascoltare Bokka – Violet Mountain Tops

La radio è sempre accesa, e con degli alti e bassi incredibili. Dalle stelle alle stalle, è proprio il caso di dire, se il titolo del prossimo brano è The Fall. Ci accompagna in questa caduta Rhye, altro nome che non conoscevo Rhye – the Fall

Dalla caduta alla the curse, il passo è breve. Se non sapete perché, provate a vedere il significato, io non lo scrivo per non attirarmi addosso quello che vuol dire questa parola. Preferisco solo stare in silenzio ascoltando Agnes Obel, con il titolo omonimo. Agnes Obel – The Curse

Vive nelle acque tropicali e subtropicali di tutti gli oceani. E' un grosso pesce, ospitato spesso in acquari pubblici, ha la fama di essere pericoloso. Non so se lo vedremo, di certo lo stiamo per ascoltare, perché arriva con questo pezzo di Sky Larkin – Barracuda

Another Sunny Day, un altro giorno di sole. Bello, e sembra un titolo, invece è il nome dei prossimi autori, anche loro all'esordio. Proviamo a vedere, o meglio a sentire, l'impressione che fanno. Ascoltiamoci allora          Anorak City – Another Sunny Day

Ciò che lascia dietro di sè la morte, what death leaves behind. Impressionante, e mentre noi ci divertiamo, c'è chi è preso da queste dissertazioni, affrontando temi impegnativi che preferiamo lasciare alla musica dei         Los Campesinos! – what death leaves behind

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *