Last Goodbye

Www, che tutti pensano sia il world wide web ed invece io dico sono le iniziali di whole wide world. Naturalmente non sono l'unico ad affermarlo, sono in compagnia degli inglesi Crookes, autori di un brano così intitolato Crookes – world wide web

Se mi chiedete chi sono, non rispondo. C'è chi lo potrà fare, ma non sarò certo io, visto che è la prima volta che sento di questo nome misterioso, The Kabeedies. Ritmica e sonorita sembrano un po' africane, ad ogni modo ascoltiamoci Come Out Of The Blue – The Kabeedies

Già che ci siamo, facciamoci un'idea un po' più precisa su questo gruppo. C'è sempre un certo sprint, in questi brani, anche questo intonato e cantato con una certa enfasi. Il titolo Fuzzy Felt – The Kabeedies

Possiamo pure lasciarci alle spalle i gridolini di gioia del brano precedente, e passare a quello successivo. Il convento passa un punk, che se ne è andato, ovvero, riposi in pace. Non sto scherzando, titolo proprio così          Punk R.I.P. – The Paddingtons

Non è che fossi proprio convinto delle proposte precedenti, forse sarà il caso di virare, girare, direzionarci verso qualcosa di diverso. Può darsi i Book Club ci offrano questa opportunità con Sir Walter – The Book Club

Morning Runner, corrono alla mattina. Non è così strano, anche se ci vuole una grande forza di volontà. C'è chi lo fa, prima di andare al lavoro o di impegnarsi nelle solite, quotidiane occupazioni. Loro si chiamano così, e ci cantano Gone Up in Flames – Morning Runner

Avevamo iniziato con i Crookes, eccoci ad un giro di boa, sempre in loro compagnia. Questa volta non ho delle iniziali da offrirvi, ma solamente, e semplicemente, dei Backstreet Lovers – Crookes

 

Brains, non vorrà mica dire testa, cervello? Controlliamo…. si è proprio così, mi ricordavo del brain power, ma questo brain ha una connotazione negativa. Intanto si coniuga al plurale, essendo brains, e poi sono little, aiaiai, Little Brains – The Kabeedies

Out the loop, che il mio amico traduce come il ciclo. Non sarà per forza di cose qualcosa di intimo anche se certo, si pensa come prima cosa a quello…… Potrà essere anche per esempio il ciclo della luna o chissà che cosa, l'ideale sarebbe chiederlo a loro The Vines – Out The Loop

Dopo tanti gruppi ecco un autore, o meglio un'autrice, solista. Risponde al nome di Mary Timony, e ci fa ascoltare qualcosa di più intenso, 5 minuti suggestioni sonore musicali con Ash and Alice – Mary Timony

 

E' quasi metal, forse togliendoci anche quel quasi, potremo definire questo genere metallo, o forse pop, rock duro, sound che lascia un segno, speriamo positivo. Loro con questa C'mon C'mon ce la mettono tutta, ai posteri, o meglio agli ascoltatori, l'ardua sentenza di giudicare i                      The Von Bondies – C'mon C'mon

 

Ci facciamo un altro doppio, giusto per sorbirci ancora qualcosa di forte. Adesso c'è Chemical, Chemical, delle Pretty Girls Make Graves. Sarà bene non lasciarle sole queste donne, se non c'è nessuno ad accompagnarle, possono fare disastri Pretty Girls Make Graves – Chemical, Chemical

 

Ammirare i grattacieli, attraversare il ponte di Brooklin, correre una maratona, abitare e vivere nella città più osannata e famosa del mondo. Cosa si può fare a New York, o cosa eravamo abituati a fare…. Proviamo a pensarci, e cantarci con i The Kills – What New York used to be

 

Altre ragazze, con il nome di Vivian, Vivian Girls, Going Insane, il loro brano, Impazzire, quindi…… l'avevo detto io che era meglio non lasciarle da sole, chissà cosa avranno combinato. Proviamo ad ascoltarle                         Vivian, Vivian Girls, Going Insane

Scheletri nei cimiteri, nelle tombe, negli armadi, ma anche in questo brano, intitolato misteriosamente ed emblematicamente Skeletons, per la musica, le parole e l'interpretazione degli Yeah Yeah Yeahs – Skeletons

Abbiamo visto, sentito ed assistito a diverse cose, ci troviamo adesso nel bel mezzo del nulla, con un brano degli Hot Hot Heat, intitolato per l'appunto Middle of Nowhere – Hot Hot Heat

Fa un ultimo saluto, dicendo e cantando Last Goodbye, e lui, anzi loro sono gli Enemy, se non sbaglio mai ascoltati. Mi sembra questa una bella occasione essendo ottimo questo brano, struggente, poetico, ad alto tasso emozionale Enemy – Last Goodbye

 

Non farà male più, It Won't Hurt Anymore, ed è una magistrale interpretazione dei Grates.Un brano tranquillizzante che vi consiglio di ascoltare e mi sento di condividere, anche per darvi modo di conoscere questo nuovo autore Grates – It Won't Hurt Anymore

Compongono i numeri, per esempio del telefono, delle statistiche, delle rilevazioni scientifiche, mediche, analitiche, storiche e chi più ne ha più ne metta. Ma oltre a comporre i numeri, possono anche darli, anche se non credo sia il caso dei Pigeon Detectives – Making Up Numbers

 

Last Goodbye

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *