Lay It Down

Sono stati scambiati per stranieri. Un errore in cui sono incappati i The National. Io invece, non penso di sbagliarmi a proporre questo loro brano, che è appunto mistaken for strangers, pezzo con cui iniziamo la giornata, la scaletta, e anche la settimana

The National – Mistaken for Strangers

http://cdn.morguefile.com/imageData/public/files/r/rivediamoci/preview/fldr_2010_09_30/file8201285837777.jpgEcco un autore nuovo, dal nome Pomegranates. Oltre ad essere per me sconosciuto, ci porta anche delle atmosfere misteriose, che ci regala con questa White Fawn, pezzo breve, di due minuti

Pomegranates – White Fawn

Gli Iron & Wine con il brano, Sundown back in the briars, un tramonto oltre i rovi.Il contrario di adesso, a quest’ora della mattina. Il sole sale al di là dei vetri, quindi non è sundown, sarà un sunrise, e sorride, dopo la pioggia di ieri Iron & Wine – Sundown back in the briars

http://cdn.morguefile.com/imageData/public/files/m/mumland/preview/fldr_2008_11_28/file0002052529773.jpgThe Adventure e si riparte con slancio. Un brano trascinante e robusto degli A.a.A. sigla inventata adesso, con le iniziali di Angels and Airwaves. Spariamoci allora questa iniezione di adrenalina, c’è l’avventura, e la sua colonna sonora

The Adventure – Angels and Airwaves

Carrier Pigeon, e si materializza all’ascolto un piccione viaggiatore. Esistono ancora, o almeno ci possono interessare ancora? Affacendati nelle vicende umane, terrestri, per fortuna troviamo i The Invisible Cities, a ricordarci di questi volatili di cui ci eravamo scordati

The Invisible Cities – Carrier Pigeon

Senza soluzione di continuità, adesso con i Rubens e le loro chitarre elettriche, e il prossimo brano, Lay it Down. Un rock abbastanza tradizionale, sempre bello da ascoltare, sembra quasi un pezzo anni ”70

Rubens – Lay it Down

 

Sunken Eyes, gli occhi infossati. Sono le idee, le immagini, le suggestioni, a fare dei brani interessanti. Questo è un pezzo, direi, intimista, cantato dagli Weinland, band americana per la prima volta all’ascolto, originaria di Portland, Oregon

Weinland – Sunken Eyes

Il piacere è tutto mio, una frase di circostanza, o un piacere condiviso, di solito dandosi la mano, o scambiandosi una cortesia. Per noi, nulla di tutto questo, solo il prossimo brano di Bjork, il cui titolo è per l’appunto

Pleasure Is All Mine – Bjork

Non frequentate questo posto. Don’t Haunt This Place. Accidenti alle brutte compagnie, e al fatto che ci siano in tutti posti del mondo, e quindi anche a Toronto, in Canada, città da dove vengono i The Rural Alberta Advantage

The Rural Alberta Advantage – Don’t Haunt This Place

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *