Marylin & Steve

I kings of leon. arrivano anche stasera

con un brano di grande effetto, tratto

dal loro album Come Around Sundown,

disco nella cui copertina c’è

un’ambientazione da sole rosso con

mare e due altissime palme da sfondo.

Godiamoci allora questa assolata di

musica con il loro The Face

kings of leon – The Face

 


 

 

http://cdn.morguefile.com/imageData/public/files/a/almogaver/preview/fldr_2005_04_19/file0002116047874.jpg
 

Dalla musica elettronica dance, all’indie pop.

E’ il viaggio che hanno fatto i The Whitest Boy Alive, una band tedesca, nata a Berlino nel 2003. La discografia ha all’attivo due album, sembrano pochi ma le canzoni che ho ascoltato sono tutte belle, quindi avremo occasione di sentirli tantissimo. Inizio a proporvi questa Fireworks

The Whitest Boy Alive – Fireworks

 

My Moon My Man, un pezzo di Feist, classicheggiante, ricorda il modo di

cantare di Marylin, quando era una

una diva del cinema. C’è solo una

differenza di mezzo secolo: non

siamo negli anni ’50, ma negli anni 00

Feist – My Moon My Man

 http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/69/Monroe_sings_from_the_trailer_of_Niagra.jpg

 

Egyptian Hip Hop, inglesissimi,

nonostante questo nome da world

music faccia pensare ad un’origine nordafricana. Hanno debuttato un

paio di mesi fa con il discoGood

Don’t Sleep. Il pezzo che vi

propongo si intitola Iltoise, parola

non ben identificata.

Riconoscibilissime invece, le

chitarre soliste

Egyptian Hip Hop – Iltoise

 

 

Equivocando sull’origine, sui paesi del mondo. Questi si chiamano Architecture in Helsinki, come il nome della capitale finlandese. Sono però australiani e ci propongono questo pezzo un po’ al di fuori degli schemui. Giustamente, si intitola Escapee

Architecture in Helsinki – Escapee

 

 

Steve McQueen, l’attore americano, l’uomo, il divo del cinema. Lo ricordiamo, l’abbiamo amato, guardato, adesso anche ascoltato attraverso questo pezzo che gli M83 hanno pensato di dedicargli, un pezzo molto brillante, come se lui fosse ancora vivo

M83 – Steve McQueen

 

 

 

 


 http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/3d/Steve_McQueen.jpg
 

Gli Active Child, e si cambia decisamente genere. Questo brano è un po’ chill out, d’altra parte si intitola Hanging On, che vorrebbe dire appeso. Si può essere appesi ad un filo, ad un cappio, ad una corda. Senza motivi per gioire, ci può stare l’atmosfera solenne di questa musica

Active Child – Hanging On

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/29/Turner%2C_The_Battle_of_Trafalgar_%281822%29.jpg/800px-Turner%2C_The_Battle_of_Trafalgar_%281822%29.jpg

 

Blackbird, ripetuto 2 volte, è la band,

che accolgo per la prima volta in

questo spazio. Presumibilmente il nome

fa riferimento all’omonima canzone dei Beatles, anche se non ci giurerei

affatto, perché come genere è completamente diverso da quello dei

fab four. It’s a War, è una guerra.

E’ il titolo, sconvolgente e ripetuto in  

maniera ossessiva

Blackbird Blackbird – It’s a War

 


 

link  link

 

Un doppio cd con una quarantina di canzoni. Era il disco London Calling, uscito nel 1999 ed inciso dai Clash. Il brano The Guns of Brixton è quello che vi propongo

Clash – The Guns of Brixton

 

Cloud Control, e si torna quasi ai giorni nostri. Dico quasi perché comunque da questo disco ci separa più di un anno e mezzo, essendo uscito a marzo del 2011. Bene comunque, la musica è originale, piacevole, la propongo anche a voi. Il titolo, There’s Nothing in the water We can’t fight

Cloud Control – There’s Nothing in the water We can’t fight

http://cdn.morguefile.com/imageData/public/files/m/mrmac04/preview/fldr_2008_11_28/file000636272133.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 
   
   
   

                                        

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *