Nature & Future

10

Tutti gli alberi del campo batteranno le mani. Un pensiero naturalista di Sufjan Stevens, incoraggiante anche per noi, anticipatorio rispetto al tempo, alla stagione che verrà, noi però non aspettiamo e ci ascoltiamo
All The Trees Of The Field Will Clap Their Hands

11

Facciamo un salto indietro di 40 anni e torniamo al 1972, un album intitolato Octopus per i Gentle Giant di cui ci ascoltiamo questo estratto, “Pensa a Me con Gentilezza”…. richiesta più che legittima data la copertina dove si vede un rettile.
Think of Me With Kindness

Stavo scappando mentre spegnevano il fuoco e le strade erano come un deserto…
Mi sono ispirato al testo di questa canzone di Keren Ann, cantautrice francese classe 1974, che per l’appunto ci fa ascoltare Chelsea Burns, le ustioni di Chelsea.
Keren Ann – Chelsea Burns

Amore mio, dagli occhi verdi, guarderemo le nuvole, portami via da tutto.
A cantare questa poesia è un songwriter americano, ancora molto giovane (classe 1979) ma di successo, ha un nome impronunciabile, si chiama Mayer Hawthorne.
Ci fa ascoltare, Green Eyed Love, estratto dal suo album A Strange Arrangement. In copertina si vede occhialuto su una scrivania, sembra un arrivato uomo d’affari invece eccolo qui con noi.
Mayer Hawthorne – Green Eyed Love

Abbandoniamo le cose serie e ascoltiamoci Andrew Bird, ci presenta una Madame che ha in testa non un cappello, ma un disco che un gatto accovacciato sopra un tavolo accanto provvede a far suonare. Ecco a voi allora Andrew Bird – Glass Figurine

ARS, iniziali di Atlanta Rhythm Section, per fortuna non è un’azienda ma una band e la sigla compare nel loro album del 2012 che raccoglie tutti i loro successi. Ci ascoltiamo Angel (What In The World’s Come Over Us), cosa verrà nel mondo dopo di noi, difficile dirlo, ci accontentiamo per adesso di ascoltarli…..
Atlanta Rhythm Section – Angel (What In The World’s Come Over Us)

Resteremo umani, Human Again per questa canzone degli Young Knives che sembra darci una risposta a tante domande esistenziali, loro però non si accontentano della musica e fanno anche i futuristi, provate a vedere la copertina del loro album: ci sono 2 astronauti che si baciano, ovviamente con maschera e tuta, non c’è male come immaginazione, noi però torniamo alla realtà con il loro pop alternativo.
Young Knives – Human Again

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *