Ninnananna

Empatia, in inglese similmente si traduce con empathy. A cantare una giovane cantautrice candese, naturalizzata americana, molto conosciuta. Si chiama Alanis Morissette, classe 1974, una grande carriera alle spalle, un album uscito nel 2012, da cui è tratto questo brano

Alanis Morissette – empathy.

   

 

 

 

Adesso è l’inizio, Now Is The Start. Ad andare controcorrente, quando tutto va male e c’è chi parla di fine del mondo, A Fine Frenzy, nome d’arte di Alison Sudol, una cantautrice americana, di 27 anni. Il brano è allegro e lo possiamo condividere perché c’è il video

A Fine Frenzy – Now Is The Start

 

Lily Allen e un brano rap, ascoltato, famoso, di successo. Mi concedo, per una volta ad una logica commerciale. Completo in questo modo un tris femminile dove sembra il potere vada per lo più alle donne. Sarà forse vero, intanto ci facciamo un sorriso con questa Smile

Lily Allen – Smile

 

   

 

http://cdn.morguefile.com/imageData/public/files/s/skinner26/preview/fldr_2004_12_18/file0001589790954.jpgT-Bone Burnett è il nome d’arte di Joseph Henry Burnett, un cantautore e produttore musicale statunitense, classe 1948, ci propone Kill Zone, brano molto melodico

T-Bone Burnett – Kill Zone

Nostalgia di città, comprensibile, se si nasce in certi luoghi, strade, quartieri. Il sentimento lascia spazio alla malinconia, come nel caso di  Duncan Sheik, che canta Longing Town

Duncan Sheik – Longing Town

 

Randy newman, un solista. Una voce, una musica essenziale, solo lui, con il suo pianoforte. Si esprime così, in maniera primordiale, o forse classica. Quando la musica non lascia spazio ad arrangiamenti o raffinatezze sonore, come in questo brano, Losing You

Randy newman – Losing You

 

   

 

Quando il mondo finisce, When The World Ends. E’ proprio una costante del pensiero d’attualità, legato a questi ultimi giorni dell’anno. I Maya, l’avevano detto, i Dave Matthews Band, l’avevano cantato, almeno una decina d’anni fa quando alla fine del mondo non ci pensava nessuno

Dave Matthews Band – When The World Ends

   
 

Three Days Grace, tre giorni di grazia, il nome strano di questa band. Lost In You il pezzo, non particolarmente originale. Al primo ascolto si confonde con tanti altri, quindi meriterà di essere ascoltato attentamente

Three Days Grace – Lost In You

 

   
 

Nickelback, autore non meglio identificato, ad ogni modo con questo nome, e con questa canzone, dal titolo Lullaby. L’immagine di copertina del disco mi richiamava ad un luogo cittadino, in realtà la traduzione è più semplice, si tratta di una ninnananna, che non fa mai male a quest’ora

Nickelback – Lullaby

 

   


 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *